Scatti stipendiali, Anief: 175mila euro a sei docenti precari

Ancora possibile aderire ai ricorsi Anief
Stavolta è il Tribunale del Lavoro di Palermo che bacchetta il Miur e lo condanna a risarcire i lavoratori precari per l’illegittima apposizione del termine al 30 giugno di ogni anno in luogo del 31 agosto per coprire posti risultati vacanti e disponibili. I legali Anief Fabio Ganci e Walter Miceli travolgono ancora una volta il Ministero dell’Istruzione in tribunale e ottengono una sentenza esemplare che rileva l’illegittimità dell’attribuzione dei contratti su posto vacante con scadenza al 30 giugno e riconosce il diritto di sei docenti, alcuni con più di 10 anni di precariato alle spalle, a percepire le medesime progressioni stipendiali riconosciute solo al personale di ruolo.
Marcello Pacifico (Anief): “Sono anni che denunciamo il bluff del Miur che attribuisce sistematicamente e illegittimamente contratti al 30 giugno di ogni anno anche se il posto è vacante e la normativa impone, in questi casi, il …







Leggi la notizia completa