Ricostruzione carriera, arretrati, riallineamento. Ecco cosa fare al più presto per non perdere i soldi

La ricostruzione (tradizionale) della carriera consente il riconoscimento economico di gran parte dei servizi annuali svolti (primi 4 anni per intero più due terzi del restante periodo), ma non tutto. Rimane fuori un terzo del periodo di preruolo ulteriore rispetto ai primi 4 anni. Quindi chi ha quattro anni di preruolo non perde nulla. Chi ne ha 10 perde un terzo di 6 cioè 2. Chi ne ha 25 ne perde ben 7. Questo terzo non è in realtà davvero perso poiché si riottiene, come potete leggere dal decreto di ricostruzione, per chi ce l’ha, dopo molti anni di servizio. Specificatamente, ciò avviene, secondo la legge, al compimento del 16°, 18°, 21°, 24° anno di servizio riconosciuto con la ricostruzione, a seconda che si tratti rispettivamente di insegnante della scuola secondaria di secondo grado, di primo grado e primaria-infanzia, di Ata e di docenti dei conservatori e delle accademie. Attenzione. …







Leggi la notizia completa