Scrittura a mano, uno strumento di inclusione. “Le maestre corrono troppo”

“Voglio far riflettere sulla complessità di tale abilità e di come in realtà sia possibile, nella stragrande maggioranza dei casi, presentare ai bambini un avviamento alla scrittura accessibile anche in caso di Dsa, o altre difficoltà, senza escludere a priori il corsivo”. Michela Vandelli ha 45 anni, è di Castelvetro in provincia di Modena ed è un’esperta nei processi d’apprendimento, Game trainer, iscritta all’albo dei professionisti formati da Erickson. Lavora con i bambini della scuola primaria e potenzia nel suo Centro Anemos, a Maranello, gli aspetti di base delle abilità scolastiche con particolare riferimento alla scrittura nella sua dimensione grafomotoria, ma anche ortografica. Si occupa inoltre di comprensione del testo e di metodo di studio. Il suo libro appena pubblicato e venduto da Amazon con il titolo “La scrittura a mano: uno strumento d’inclusione”, nasce, spiega lei, “dal mio lavoro e dalla mia esperienza giornaliera e dalla …







Leggi la notizia completa