Azzolina (M5S): Lavorerò a testa bassa, con umiltà e grande senso di responsabilità

Da questa foto è partita l’avventura…
La scuola, un posto per me magico, un posto dove poter apprendere, socializzare, conoscere.
Le mie maestre le ricordo tutte, una migliore dell’altra. Molto rigorose, a tratti severe, ma eccellenti.
Mi hanno insegnato tanto.
Ho avuto la fortuna di frequentare un ottimo liceo, dove si studiava parecchio e ti insegnavano un vero metodo di studio.
Una domanda infelice però è rimasta impressa nella mia mente e non dimenticherò mai. Mi fu fatta il primo anno di liceo scientifico, primo giorno di scuola. La domanda era: “A cu apparteni?”.
Tradotto in italiano, per i non siculi: qual è la tua famiglia? Cioè, sei ricca, povera o appartieni ala classe media? Che lavoro fanno i tuoi genitori? Hai le spalle coperte?
Risposi con l’ingenuità di una quattordicenne, non riuscendo a capire sul momento il significato reale di quella domanda, che “appartenevo a me …







Leggi la notizia completa