La registrazione di una conversazione tra colleghi è ammissibile ma può compromettere il clima di lavoro

Chiaramente va analizzato il contesto, il perché, e soprattutto l’uso che se ne dovrà fare. Una interessante sentenza della Cassazione, Cass. civ. Sez. lavoro, Sent., (ud. 10-01-2018) 10-05-2018, n. 1132, affronta diversi punti su tale problematica, ponendo degli indirizzi giurisprudenziali di cui si dovrà tener conto.
Fatto
Un dipendente del settore privato veniva licenziato per motivi disciplinare per aver , in sede di giustificazioni orali in merito ad altra precedente contestazione della società, consegnato una chiavetta USB contenente registrazioni di conversazioni effettuate in orario di lavoro e sul posto di lavoro coinvolgenti altri dipendenti, ad insaputa degli stessi e nell’aver il medesimo provveduto ad ulteriori registrazioni anche video come riportato in sede di segnalazione da parte di colleghi di lavoro che avevano riferito di aver visto il dipendente continuamente scattare foto, girare video, registrare conversazioni sul posto di lavoro senza alcuna autorizzazione da parte loro, il tutto in …







Leggi la notizia completa